Islamic Museum Tripoli

  • Area Progetto

    Sanitario/sociale

  • Committente

    Studio Italia Costruzioni

  • Progetto architettonico

    Architetti Marchetti, Zampiero, Cangialosi

  • Progetto strutturale

    Ing. Priviero, ing. Vettori

  • Progetto impianti

    Ing. Zanatta

  • General Contractor

    Impresa CEV

Con la ristrutturazione di Villa Volpi a Tripoli, CEV ha accettato la sfida di operare in una realtà complessa in un paese con tradizioni profondamente diverse dalle nostre.
Il futuro Museo Islamico della capitale libica si trova nell’area di Al-Sur, pochi chilometri a sud della Medina. L’intervento edilizio prevede il recupero del patrimonio architettonico tramite il consolidamento strutturale dell’intero complesso edilizio che verrà dotato di impianti all’avanguardia, nuovi servizi museali e una piazza, dando così vita ad un polo culturale nel cuore di Tripoli.

Il fascino originario dell’edificio, eccellente esempio di compresenza di stili architettonici dove volumi e strutture sono state destinate a diverse funzioni nel corso dei secoli, è preservato tramite il restauro degli stucchi e dei decori di facciata. A questo si aggiunge il recupero dei soffitti esistenti e la ristrutturazione dei porticati, degli infissi e delle opere in pietra.

Con estrema attenzione sono stati riportati ai loro valori originari i colori del chiostro in stile Ottomano, le cui pareti, nel corso del tempo, erano state ricoperte da successivi strati di pittura.

Il restauro degli interni, degli atrii e dei giardini, ha creato un forte legame tra questo edificio e il territorio circostante, fino ad oggi rimasto quasi estraneo alla villa.